Palazzo Del Pugliese




Via de' Serragli 8, Firenze

Palazzo Del Pugliese, poi Magnani Feroni, si trova in via de' Serragli 8, con affacci su piazza del Carmine e borgo San Frediano.
Il nome è legato ai vari passaggi di proprietà da una famiglia all'altra, avvenuti tra il 1428 ed il 1821.
Dell'epoca dei Del Pugliese resta oggi uno stemma in facciata, accanto a quello Feroni: fasciato di sei pezzi di rosso e d'oro.
Nel 1769 il palazzo fu venduto al ricchissimo marchese Giuseppe Francesco Feroni che, intendendo dare ulteriore decoro alla proprietà, acquistò altre case confinanti e affidò all'architetto Zanobi Del Rosso l'incarico di ridisegnare le facciate e ridistribuire gli sazi interni. I lavori, che crearono anche un giardino, vennero terminati nel 1783 e l'intervento accrebbe la monumentalità di tutto l’edificio.
Durante il periodo dell'occupazione francese il quartiere principale del palazzo fu affittato al Ministro di Francia.
Nel 1821, alla morte del marchese Ubaldo Feroni, il palazzo di via dei Serragli fu ceduto ai Magnani, facoltosa famiglia di Pescia, che fece del palazzo un nuovo punto di riferimento per la Firenze del tempo.

Il palazzo appare nell'elenco redatto nel 1901 dalla Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti, quale edificio monumentale da considerare patrimonio artistico nazionale.
La facciata su via de' Serragli, pur mostrando i vari rifacimenti, è essenzialmente riconducibile all'opera di Zanobi Del Rosso, al quale peraltro si devono le finestre con leggere inferriate del piano terreno.
Il portone è originale del Seicento, con le ferrature dei quattro battenti e una mezzaluna superiore. Da esso si accede al cortile, con un cancello in ferro battuto dal disegno artistico, concluso da uno stemma dei Feroni.

Oggi il palazzo è una residenza d’epoca. Ha il più alto terrazzo panoramico in Oltrarno, dal quale si possono vedere i più importanti monumenti della città.
Nel mese di Ottobre 2017, è stato selezionato tra i 3 finalisti del prestigioso 2018 Condé Nast Johansens Awards for Excellence nella categoria: Readers’ Award.