Concerti Venezia



Concerti Firenze



Brochure Stagioni Passate

Scuola Grande dei Carmini

Scuola Grande dei Carmini ‐ Venezia

Sede dei concerti è la splendida Scuola Grande dei Carmini, museo dedicato a G.Tiepolo nonchè l'ultima delle otto Scuole Grandi esistenti in Venezia alla caduta della Repubblica.
Ubicata in Campo S. Margherita, a pochi passi da Cà Rezzonico sul Canal Grande e Piazzale Roma, fu fondata nel 1594 come confraternita laica.
La finalità della Scuola consisteva nel dare sostegno religioso ed economico ai confratelli, nel dispensare elemosine ai poveri e ai malati e di concorrere ai loro funerali, di nel fornire di dote le fanciulle per il matrimonio o la monacazione.
Le sale interne della Scuola hanno conservato per intero l’antico originale arredo, costituito da importanti dipinti ad olio, da ricchi soffitti in stucco e da originali dossali lignei intagliati.

Palazzo Arrighetti Gaddi

Via del Giglio, 11, Firenze

Palazzo Arrighetti-Gaddi si trova in via del Giglio a Firenze. Il nome non è legato al passaggio da una famiglia all'altra ma a una vera e propria unione di due palazzi confinanti, palazzo Gaddi e palazzo Arrighetti, avvenuta nel Settecento.
In questa zona della città i Gaddi, famiglia dei celebri pittori Taddeo e Agnolo ma anche di uomini politici e di ricchi mercanti, aveva numerosi possedimenti: nella vicina piazza della Madonna degli Aldobrandini il palazzo Gaddi è uno dei più antichi di famiglia e si riconosce per i tipici sporti, mentre l'antistante edificio d'angolo con via del Melarancio sorge sul luogo del celebre giardino chiamato Paradiso dei Gaddi, cantato da John Milton, che fu probabilmente ospitato nell'allora Palazzo Arrighetti.
Furono i Gaddi a comprare il cinquecentesco palazzo degli Arrighetti e a far costruire un nuovo corpo di fabbrica dall'unione con alcuni loro edifici.
All'interno si trova un atrio che porta allo scalone monumentale, dove si trova un scultura di Ercole in riposo lungo la balaustra. Al piano nobile sono presenti alcune sale magnificamente affrescate, tra le quali spicca quella con l'affresco sul soffitto attribuito da Luca Giordano e completata da altre pitture e stucchi.